Reumatologia
Ematologia.net
Cardiologia.net

Malattie rare: Ataluren per il trattamento della distrofia di Duchenne da mutazione nonsenso



Ataluren ( Translarna ) è un farmaco per il trattamento della distrofia muscolare di Duchenne ( DMD ) dovuta a mutazione nonsenso nei pazienti ancora deambulanti di età uguale o superiore ai 5 anni.

La distrofia muscolare di Duchenne è una malattia muscolare progressiva causata dalla mancanza di distrofina, che colpisce un paziente su 3500, in particolare i bambini maschi.
L'esordio è precoce, intorno ai 3 anni, e conduce alla perdita della deambulazione e all'insorgere di complicanze che portano al decesso.
I primi segnali della distrofia muscolare di Duchenne sono difficoltà nella corsa, fatica nel salire le scale o nell'alzarsi da terra.

Ataluren è stato sviluppato con una tecnologia che permette alla cellula di bypassare la trascrizione errata nell’RNA messaggero dovuta alla specifica mutazione genetica chiamata non-senso, portando alla creazione di una proteina, distrofina, funzionante che è essenziale alla preservazione del muscolo.

La Duchenne è una malattia ereditaria e progressiva, che priva i muscoli della forza necessaria a svolgere le normali attività della vita quotidiana.

I pazienti affetti da distrofia muscolare di Duchenne generalmente perdono la capacità di camminare intorno ai 10-12 anni e nel secondo decennio di vita incorrono in complicanze polmonari e cardiache potenzialmente letali.
Mantenere la funzionalità polmonare e cardiaca il più a lungo possibile è di massima importanza per i pazienti.
Lo sviluppo di molecole innovative e l’accesso a nuove terapie hanno migliorato la progressione della malattia e la qualità di vita dei pazienti.
Per le persone affette da Duchenne con mutazione nonsenso Ataluren ha dimostrato benefici clinicamente importanti.

Ataluren è la prima terapia orale che interviene sui meccanismi molecolari coinvolti nella lettura dei geni e nella loro traduzione in proteine.
Il farmaco agisce esclusivamente sulle mutazioni nonsenso che sono presenti nel 10-15% dei pazienti colpiti da distrofia muscolare di Duchenne.

Nel 2014 l’EMA ( European Medicines Agency ) aveva concesso l’approvazione condizionale alla commercializzazione di Translarna sulla base dei dati preliminari con l’obbligo, da parte della Società farmaceutica, di condurre uno studio clinico di fase 3.

Lo studio di fase 3, denominato ACT-DMD, concluso nel 2015, in doppio cieco con placebo, su 228 pazienti Duchenne con una mutazione nonsenso, deambulanti e di età compresa tra i 7 e i 16 anni, è stato condotto in 18 Paesi.
In Italia i centri clinici coinvolti sono stati: l’Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, l’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù e il Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma e il Centro NEMO del Policlinico Universitario di Messina.
I risultati dello studio hanno dimostrato che il trattamento con Ataluren per 48 settimane è in grado di fornire benefici clinici rispetto ai bambini che non prendevano il farmaco.
Tutti i partecipanti allo studio hanno avuto la possibilità di proseguire il trattamento in uno studio di estensione.

Sulla base di questi risultati, a novembre 2016 l’EMA ha raccomandato il rinnovo dell’autorizzazione alla commercializzazione di Translarna, che include l’obbligo di condurre un nuovo studio clinico con una durata di 36 mesi che possa fornire nuove informazioni riguardo al trattamento a lungo termine. I risultati sono attesi per il primo trimestre del 2021. ( Xagena Medicina )

Fonte: PTC Therapeutics, 2017

Xagena_Salute_2017


Per approfondimenti: Malattie Rare.net http://www.malattierare.net/



Indietro