Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Xagena Salute

Tumore al seno: il 70% delle pazienti potrebbe necessitare solamente della terapia ormonale



I risultati dello studio TAILORx rappresentano uno dei maggiori progressi degli ultimi decenni nel campo della ricerca sul cancro alla mammella.
Sette donne su dieci con un tumore mammario in fase precoce potrebbero essere trattate solo con terapia ormonale, evitando gli effetti collaterali della chemioterapia.

Il profilo della paziente che non necessita di chemioterapia sarà definito dallo screening di 21 geni.

Lo studio TAILORx ha preso in esame 10.273 donne con la più comune forma di tumore alla mammella.
E' risultato che solo il 30% delle pazienti con tumore alla mammella in fase iniziale può trarre benefici dalla chemioterapia, mentre il 70%, ovvero 7 donne su 10, subiscono solo gli effetti indesiderati come nausea, febbre, affaticamento e perdita dei capelli.

In un arco di 7 anni e mezzo, è emerso che nella maggioranza dei casi di tumore alla mammella, con recettori ormonali positivi ( HR+ ) e HER2 negativi ( HER2- ), l’applicazione della sola terapia ormonale era sufficiente, mentre la terapia combinata con chemioterapia non ha fornito risultati che possano dimostrare un miglioramento significativo della sopravvivenza senza recidive.

Lo studio TAILORx si basa sull’espressione di 21 geni e attribuisce alla paziente un punteggio che va da 1 a 100, e che definisce la possibilità di sviluppare recidive nell’arco di 10 anni dalla prima diagnosi, definendo in tal modo le donne che potrebbero beneficiare del trattamento chemioterapico.

Il test consiste in una biopsia su un campione di tessuto prelevato dalla sede del tumore. Secondo la scala su cui si bassa TAILORx, le pazienti che ottengono un punteggio molto basso compreso fra 0 e 10 riceveranno solo la terapia ormonale mentre quelle che ottengono un punteggio fra 26 e 100 dovranno essere trattate con terapia combinata ( terapia ormonale più chemioterapia ).

OncotypeDX è il test che serve ad esaminare l’attività genica di un campione tumorale, ma è dotato anche di capacità previsionale poiché è in grado di fornire informazioni dettagliate sul rischio di recidive.
Delle 10.273 donne sottoposte al test OncotypeDX, 6000 hanno ottenuto un punteggio intermedio.

Confrontando le donne trattate con terapia ormonale con quelle che hanno ricevuto anche la chemioterapia, i risultati sono risultati assolutamente equivalenti.
TAILORx è riuscito a dimostrare l’efficacia della terapia ormonale in termini di sopravvivenza senza malattia e di rischio di metastasi. ( Xagena Medicina )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2018

Xagena_Salute_2018


Per approfondimenti su Tumore alla mammella e Tumori femminili: OncoGinecologia.net https://www.oncoginecologia.net/


Indietro