Neurologia
OncologiaMedica.net
Ematologia.net

Efficacia dell'Acido Desossicolico nel trattamento dell'adiposità sottomentoniera



Efficacia e sicurezza validate da studi scientifici hanno portato all’approvazione di Belkyra ( Kybella negli Stati Uniti ) per il trattamento del doppio mento.
Il farmaco contiene una versione sintetica di Acido Desossicolico, affine a quello presente in natura.
Grazie a questa novità, le persone che vogliono eliminare questo difetto potranno evitare trattamenti invasivi e non privi di rischi, finora le uniche opzioni efficaci.

L’Acido Desossicolico va semplicemente iniettato nel grasso sottocutaneo, dove agisce direttamente sulla membrana cellulare delle cellule adipose, provocandone la distruzione permanente.
Il risultato si mantiene a lungo termine perchè una volta distrutte, queste cellule non possono più conservare o accumulare grasso.

L’efficacia e la sicurezza della soluzione iniettabile sono state confermate da valutazioni cliniche, che hanno compreso 4 studi di fase III che hanno coinvolto più di 2.600 pazienti in tutto il mondo, dai quali è emerso che il tasso di efficacia complessiva a 12 settimane dall’ultima iniezione raggiunge il 78.5%.

Due dei 4 studi clinici di fase III sono stati effettuati in Nord America e due nell’Unione Europea.
E' stata valutata l'efficacia e la sicurezza del farmaco negli adulti con accumuli adiposi sotto il mento.
Nel corso di questi studi, il trattamento ha mostrato di avere un alto tasso di efficacia complessiva, attestato da un miglioramento di 1 grado ( secondo una scala che distingue i gradi in assente, lieve, moderato, grave e severo ) dell’adiposità sottomentoniera, valutata a distanza di 12 settimane dall'ultima sessione di iniezione ( rispettivamente il 63.8% negli studi europei e il 78.5% negli studi nordamericani ).
Il 44.6% delle persone trattate negli studi europei e il 48.6% negli studi nordamericani ha riportato un effetto positivo anche dal punto di vista psicologico ( rispetto al 18% e al 17.3% delle persone trattate con il placebo ) durante lo stesso periodo.

Il trattamento deve essere eseguito in regime ambulatoriale da un medico specializzato, che definirà con il paziente il numero ideale di sessioni di trattamento, in base alle specifiche caratteristiche del viso e ai desideri personali.
Sono necessarie al massimo 6 sessioni anche se già dopo due sono visibili i primi benefici.
I trattamenti vanno effettuati ad almeno 4 settimane di distanza l’uno dall’altro.

Il doppio mento, dovuto a un accumulo di adipe sotto il mento, può ridurre l’equilibrio e l’armonia del viso, spesso rendendolo più vecchio e pesante, elemento che può incidere negativamente sulla percezione di sè e del proprio aspetto.
Questa condizione può colpire gli adulti, uomini e donne, di tutte le età, peso e sesso.

La Società Americana di Chirurgia Dermatologica ( ASDS ) stima che il 67% delle persone colpite abbia un impatto psicologico negativo e non si senta a proprio agio col proprio aspetto.
A questo si aggiunge un’errata percezione comune secondo la quale questa imperfezione riguarda solo le persone in sovrappeso, quando invece può manifestarsi anche a causa di altri fattori come l'invecchiamento e la predisposizione genetica.

Dieta ed esercizio fisico spesso non sono sufficienti a contrastare il doppio mento, tanto che in molti ricorrono a trucchi per camuffarlo, come quello di coprire il collo con vestiti o barba, tenere il volto sollevato o applicare un make up consistente, alcuni evitano addirittura di essere fotografati.

Una persona su due, trattata con il nuovo farmaco a base di Acido Desossicolico, ha riportato un alleviamento del disagio psicologico causato dall’imperfezione ( contro il 18% e il 17.3% dei soggetti trattati con il placebo ) a 3 mesi dall’ultima iniezione.

Ben il 62% dei pazienti vorrebbe un trattamento non-invasivo e fino ad oggi le possibilità di intervento erano limitate a soluzioni invasive, dalla liposuzione, alla ricostruzione chirurgica del collo.
L’Acido Desossicolico rappresenta una valida risposta, non-chirurgica; è stata approvata dall’AIFA ( Agenzia regolatoria italiana ), per i pazienti insoddisfatti del proprio aspetto, ma riluttanti a sottoporsi a un intervento chirurgico.

Gli interventi chirurgici invasivi inoltre comportano possibili rischi legati all’anestesia e al decorso post-operatorio. A questo si aggiunge la probabilità di risultati non-ottimali e tempi di convalescenza non-compatibili con le attività quotidiane del paziente.

Dagli studi clinici è, invece, emerso che il nuovo farmaco è efficace e generalmente ben tollerato. La maggior parte degli effetti collaterali ( tra cui gonfiore, lividi e dolore ), localizzati soprattutto nell'area trattata, sono stati lievi o moderati e si sono risolti senza conseguenze. ( Xagena Medicina )

Fonte: Allergan, 2017

Xagena_Salute_2017


Per approfondimenti: DermatologiaOnline.it http://www.dermatologiaonline.it/



Indietro