OncoGinecologia.net
Reumatologia
Mediexplorer

Maviret, un nuovo regime pangenotipico per l'epatite C disponibile in Italia



L'Agenzia regolatoria AIFA ha approvato la rimborsabilità in Italia di Maviret, un trattamento a base di Glecaprevir e Pibrentasvir, indicato per i pazienti adulti affetti da infezione cronica da virus dell'epatite C ( HCV ) di tutti i principali genotipi ( GT1-6 ).

Maviret è un nuovo regime pangenotipico della durata di 8 settimane, indicato per il trattamento di pazienti non-cirrotici e che non hanno ricevuto in precedenza trattamenti anti-epatite C.

Ad oggi i pazienti italiani, seguiti e registrati dai Centri specializzati di cura, sono circa 300.000; di questi circa 92.000 sono già stati avviati al trattamento.

L'Agenzia italiana del farmaco ha ridefinito i criteri di rimborsabilità dei medicinali innovativi per l'epatite C, ampliando così la possibilità di accesso alle terapie di ultima generazione alla maggioranza dei pazienti con infezione cronica da virus HCV.

Maviret è disponibile come compresse che contengono 100 mg di Glecaprevir e 40 mg di Pibrentasvir.
La dose raccomandata è di tre compresse una volta al giorno, assieme al cibo, per 8, 12 o 16 settimane.
La durata del trattamento dipende dalla presenza di cirrosi epatica o dall'aver ricevuto precedenti trattamenti con Interferone pegilato e Ribavirina con o senza Sofosbuvir oppure Sofosbuvir e Ribavirina.

Ci sono sei varietà ( genotipi ) del virus dell'epatite C e Maviret ha dimostrato di essere efficace nell'eliminare dal sangue tutti i genotipi virali.
In 8 studi principali che hanno coinvolto più di 2.300 pazienti con epatite C, il 99% dei pazienti non-cirrotici con genotipo 1 ( il genotipo HCV più comune ) ha presentato negatività per il virus dopo 8 settimane di trattamento con Maviret, e il 97% dei pazienti cirrotici era negativo dopo 12 settimane.
I risultati erano simili per i genotipi 2 e 4-6.
L'efficacia di Maviret nell'eliminazione ematica del genotipo 3 era leggermente inferiore a quella degli altri genotipi ( 95% ).

Gli effetti collaterali più comuni con Maviret ( che possono interessare più di 1 persona su 10 ) sono: cefalea e stanchezza.

Maviret non deve essere impiegato nei pazienti con funzionalità epatica gravemente ridotta.
Non deve anche essere usato insieme a determinati medicinali quali: Atorvastatina, Simvastatina ( farmaci per ridurre i livelli di colesterolo nel sangue ); Dabigatran etexilato ( medicinale per prevenire i coaguli di sangue ); prodotti contenenti Etinilestradiolo ( come i contraccettivi ); Rifampicina ( antibiotico di solito impiegato per trattare la tubercolosi ); Carbamazepina, Fenobarbital, Fenitoina, Primidone ( farmaci per l'epilessia ); Erba di San Giovanni [ Iperico ] ( un rimedio a base di erbe usato per depressione e ansia ). ( Xagena Medicina )

Fonte: Abbvie, 2017

Xagena_Salute_2017


Per approfondimenti: Epatite.net http://www.epatite.net/



Indietro