Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Aumento della cardiomiopatia da stress durante la pandemia di COVID-19


Secondo uno studio della Cleveland Clinic, durante la pandemia da COVID-19, si sarebbe verificato un aumento dei casi di cardiomiopatia da stress, conseguenza di intense emozioni.

La cardiomiopatia da stress è anche nota come cardiomiopatia di Takotsubo.

Ricercatori statunitensi hanno ipotizzato che anche un evento come la pandemia di COVID-19 potesse essere una potenziale causa scatenante della cardiomiopatia da stress.

Dall'analisi dei dati è emerso un aumento significativo dei pazienti con diagnosi di cardiomiopatia da stress.
L’incidenza della cardiopatia di Takotsubo è aumentata al 7.8% rispetto al dato pre-pandemia che era dell′1.7%.

Sono stati esaminati 258 pazienti afferenti alla Cleveland Clinic e alla Cleveland Clinic Akron General con sintomi da sindrome coronarica acuta tra l′1 marzo e il 30 aprile durante l'emergenza coronavirus, e li hanno confrontati con 4 gruppi di controllo di pazienti con gli stessi sintomi prima della pandemia.

Da questo confronto è stato riscontrato l’aumento dei casi di cardiomiopatia da stress. Questi pazienti durante il periodo COVID-19 hanno avuto anche un ricovero ospedaliero più lungo rispetto a chi aveva avuto la sindrome prima dell'infezione da virus SARS-CoV-2.
Non è stata, tuttavia, riscontrata alcuna differenza significativa nella mortalità tra i gruppi osservati.
Tutti i pazienti con cardiomiopatia di Takotsubo sono risultati negativi a SARS-CoV-2.

La cardiomiopatia da stress si verifica in risposta a un disagio fisico o emotivo e causa disfunzione o insufficienza cardiaca.
I pazienti presentano in genere sintomi simili a un infarto miocardico, come dolore toracico e mancanza di respiro, ma senza ostruzione delle arterie coronarie.
Il ventricolo sinistro del cuore può mostrare un allargamento.
Altri sintomi sono: battito cardiaco irregolare, svenimento, bassa pressione sanguigna e incapacità del cuore di pompare sangue sufficiente per soddisfare le esigenze del corpo a causa dell’impatto degli ormoni dello stress sulle cellule del cuore.

La pandemia di COVID-19 ha provocato livelli multipli di stress nella vita delle persone in tutto il mondo. Le persone non sono solo preoccupate della malattia per se stesse o per le loro famiglie, ma fanno i conti con problemi economici ed emotivi, problemi sociali e potenziale solitudine e isolamento. Lo stress può avere effetti fisici sul corpo e sul cuore.
Esercizio, meditazione e interazione con la famiglia e gli amici possono aiutare ad alleviare l’ansia.

La sindrome fu descritta per la prima volta in Giappone nel 1991. Caratteristica di questa forma è la transitoria modificazione balloniforme dell'apice ventricolare sinistro, verosimilmente dovuta a stimoli di origine neurogena, originati da stress acuti.
Questa deformazione, visibile con le tecniche di imaging come l'ecocardiografia o la risonanza magnetica, fa assumere al ventricolo sinistro la forma di un cestello ( tsubo ) usato dai pescatori giapponesi per la pesca del polpo ( tako ), da qui il nome. ( Xagena Medicina )

Fonte: JAMA Network Open, 2020

Xagena_Salute_2020


Per aggiornamenti in Cardiologia: Cardiologia.net https://cardiologia.net/ & Cuore: Cuore.net https://www.cuore.net/



Indietro