Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Reumabase.it

Cancro del pene: ricostruzione totale del pene con un lembo di avanbraccio



Utilizzando un lembo dell'avambraccio sinistro è stato ricostruito totalmente il pene a un paziente di 40 anni, a cui era stato amputato per l'insorgenza di un tumore.
L'intervento è stato eseguito presso l'Ospedale Molinette della Città della Salute di Torino.

Il tumore si era presentato come una piccola neoformazione sul glande, a cui non era stata data molta importanza.
Dopo alcuni mesi la lesione ha assunto dimensioni maggiori.
Alla visita urologica la lesione è risultata sospetta per un tumore infiltrante del pene.
Il paziente è stato quindi sottoposto a una biopsia, che ha confermato il sospetto: tumore avanzato del pene.
L'uomo è stato sottoposto a un intervento altamente demolitivo, che è consistito nell’asportazione della quasi totalità del pene e dei linfonodi inguinali.
Il trattamento, in considerazione della grande aggressività del tumore, è stato completato con un ciclo di chemioterapia.

A 5 anni di distanza, il paziente è stato considerato guarito dal tumore, ma l'assenza di pene e la giovane età ( 45 anni ) ha gravemente inciso sulla qualità di vita con sviluppo di disturbi depressivi.


E' stata quindi decisa la ricostruzione del genitale amputato, e inviato alla Clinica Urologica dell’Ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, diretta da Paolo Gontero.

Il paziente, dopo valutazione multidisciplinare, è stato sottoposto a un intervento di ricostruzione totale del pene con un lembo microrchirugico prelevato dall'avambraccio sinistro.
L'intervento, della durata di circa 8 ore, è stato eseguito dalla équipe ricostruttiva genitale composta da Marco Falcone e Massimiliano Timpano e dal microchirurgo Davide Ciclamini.

A distanza di 2 mesi dall’intervento i medici si sono dichiarati soddisfatti per la riuscita dell’intervento che ha restituito al paziente la sua mascolinità.

In seguito ( tra alcuni mesi ) verrà impiantata una protesi idraulica del pene che restituirà al paziente la possibilità di avere nuovamente una vita sessuale attiva.

Il tumore del pene é un evento raro, ma che può causare gravi menomazioni dei pazienti, soprattutto quelli colpiti in giovane età.
Il trattamento deve essere pertanto integrato, finalizzato in primis a guarire il tumore, ma con l’obiettivo non meno importante di ricostruire in un secondo tempo le mutilazioni genitali derivate dai necessari trattamenti demolitivi. ( Xagena Medicina )

Fonte: Ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, 2018

Xagena_Salute_2018


Per approfondimenti: ChirurgiaOnline.net https://www.chirurgiaonline.net/



Indietro