Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
XagenaNewsletter

Carcinoma a cellule di Merkel: l'AIFA ha approvato Bavencio, un inibitore di PD-L1



L'AIFA ha approvato la rimborsabilità di Bavencio ( Avelumab ) nel trattamento del carcinoma a cellule di Merkel allo stato metastatico, un tumore della pelle, raro e aggressivo.

Avelumab è un anticorpo umano specifico per il ligando-1 della proteina della morte cellulare programmata ( PD-L1 ).
Avelumab è in grado di attivare sia il sistema immunitario innato che quello adattivo. Bloccando l'interazione della proteina con i recettori PD-1 l’anticorpo è riuscito, nei modelli preclinici, a ristabilire la risposta immunitaria antitumorale mediata dalle cellule T.

Bavencio può ridurre le dimensioni del tumore in alcuni pazienti, inducendo risposte parziali o una risposta completa ( quando non rimangono segni del cancro ).
In uno studio principale su 88 pazienti con carcinoma a cellule di Merkel metastatico che avevano ricevuto un precedente trattamento chemioterapico, si è ritenuto che il 33% circa di essi ( 29 su 88 ) avesse avuto una risposta completa o parziale al medicinale; nella maggior parte di questi pazienti, la risposta è durata per almeno sei mesi.
I primi risultati di uno studio in corso sugli effetti di Bavencio nei pazienti con carcinoma a cellule di Merkel metastatico che non avevano ricevuto un precedente trattamento chemioterapico hanno indicato che il tasso di risposta completa o parziale al momento dell’analisi era del 62% ( 18 pazienti su 29 ).

Gli effetti indesiderati più comuni di Bavencio ( che possono riguardare più di 1 persona su 10 ) comprendono stanchezza, nausea, diarrea, diminuzione dell’appetito, costipazione, reazioni correlate all’infusione, perdita di peso e vomito.
Gli effetti indesiderati gravi includono reazioni immuno-correlate e connesse all’infusione, anemia, difficoltà respiratorie e dolore addominale.

Il carcinoma a cellule di Merkel è trenta volte più raro del melanoma e risulta fatale per un paziente su tre. In Europa si registrano 2.500 nuovi casi all’anno.
Il 5-12% delle persone colpite sviluppa una malattia metastatica. Colpisce con più frequenza gli individui maschi di età superiore a 50 anni.
Solitamente il carcinoma a cellule di Merkel si manifesta con un nodulo cutaneo indolore di colore rosso, rosa o bluastro sul viso, sul collo, sulle braccia e sulle gambe, ovvero le zone più esposte ai raggi del sole.
È un tumore molto aggressivo. Circa la metà di tutti i pazienti va incontro a una recidiva, mentre oltre il 30% alla fine svilupperà malattia metastatica.
Prima di Avelumab l’unica opzione terapeutica era la chemioterapia, con una prognosi il più delle volte sfavorevole. ( Xagena Medicina )

Fonte: Pfizer, 2018

Xagena_Salute_2018


Per approfondimenti sul Carcinoma a cellule di Merkel: OncologiaMedica.net https://www.oncologiamedica.net/



Indietro