Colifagina S
Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite

Carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico trattato in precedenza con chemioterapia a base di Platino e un inibitore di PD-1/PD-L1: Enfortumab vedotin offre vantaggio nella sopravvivenza


Sono stati presentati i primi risultati dello studio di fase 3 EV-301 che sta confrontando Enfortumab vedotin ( Enfortumab vedotin-ejfv; Padcev ) e chemioterapia nei pazienti adulti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico precedentemente trattato con chemioterapia a base di Platino e un inibitore di PD-1/PD-L1.

EV-301 è uno studio globale, multicentrico, in aperto e randomizzato che è stato disegnato per valutare Enfortumab vedotin versus il trattamento chemioterapico di scelta del clinico ( Docetaxel, Paclitaxel o Vinflunina ) in circa 600 pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico precedentemente trattati con un inibitore di PD-1 / PD-L1 e terapia a base di Platino.
L’endpoint primario è la sopravvivenza globale ( OS ), mentre gli endpoint secondari includono la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), il tasso di risposta globale ( ORR ), la durata della risposta ( DoR ) e il tasso di controllo della malattia ( DCR ), nonché la valutazione dei parametri di qualità di vita e di sicurezza / tollerabilità.

Al momento dell’analisi ad interim pre-specificata, i pazienti trattati con Enfortumab vedotin hanno presentato una sopravvivenza mediana maggiore di 3.9 mesi, rispetto a quelli che hanno ricevuto la chemioterapia.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 12.9 versus 9 mesi, rispettivamente ( hazard ratio, HR=0.70 [ intervallo di confidenza ( IC ) 95%: 0.56-0.89 ], p=0.001 ).

Per i pazienti trattati con Enfortumab vedotin, gli eventi avversi correlati al trattamento ( TRAE ) più frequenti, che si sono verificati in più del 5% dei pazienti, di grado 3 o superiore, sono stati: rash maculopapulare, astenia e diminuzione della conta dei neutrofili.

Enfortumab vedotin è il primo farmaco in grado di ridurre il rischio di morte rispetto alla chemioterapia nei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico che hanno ricevuto una chemioterapia a base di Platino e una immunoterapia.
Inoltre, i pazienti che hanno ricevuto Enfortumab vedotin hanno anche mostrato un miglioramento nei seguenti endpoint secondari:

a) La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 5.6 mesi per Enfortumab vedotin versus 3.7 mesi per la chemioterapia ( HR=0.62 [ IC 95%: 0.51-0.75 ]; p inferiore a 0.00001 ).

b) Il tasso di risposta globale, ovvero la percentuale di pazienti che hanno mostrato una risposta completa o parziale, è stato del 40.6% vs 17.9% dei pazienti nel braccio chemioterapia ( p inferiore a 0.001 ).

c) Il tasso di controllo della malattia, ovvero la percentuale di pazienti che hanno ottenuto una risposta completa o parziale o hanno stabilizzato la malattia, è stato del 71.9% per Enfortumab vedotin e del 53.4% per la chemioterapia ( p inferiore a 0.001 ).

Il tasso di eventi avversi gravi correlati al trattamento dei bracci di trattamento sono stati comparabili ( 23% dei pazienti che hanno ricevuto Rnfortumab vedotin vs 23% di quelli che hanno ricevuto la chemioterapia ).
Gli eventi avversi di grado 3 o superiore si sono verificati in circa il 50% dei pazienti in entrambi i bracci dello studio.
Gli eventi TRAE di grado 3 o superiore che hanno colpito più del 5% dei pazienti che hanno ricevuto Enfortumab vedotin sono stati: rash maculopapulare ( 7% nel gruppo Enfortumab vedotin vs 0% nel gruppo chemioterapia ), astenia ( 6% vs 4.5% ) e diminuzione della conta dei neutrofili ( 6% vs 13% ).

Enfortumab vedotin è un coniugato farmaco-anticorpo ( ADC ) che ha come bersaglio la Nectina-4, una proteina presente sulla superficie delle cellule e fortemente espressa nel tumore della vescica.
Dati non-clinici hanno suggerito che l’attività antitumorale di Enfortumab vedotin deriva dalla sua capacità di legarsi alle cellule che esprimono la Nectina-4 e successivamente dall’internalizzazione e dal rilascio dell’agente antitumorale Monometil auristatina E ( MMAE ) nella cellula, facendo sì che la cellula non si riproduca e che si verifichi la morte programmata della cellula ( apoptosi ).

Il carcinoma uroteliale è il tipo di tumore della vescica più diffuso ( 90% dei casi ) e può svilupparsi anche nella pelvi renale, nell’uretere e nell’uretra.
Nel mondo, ogni anno vengono registrati circa 549.000 nuovi casi di tumore della vescica con 200.000 decessi. ( Xagena Medicina )

Fonte: American Society of Clinical Oncology Genitourinary Cancers Symposium ( ASCO GU ) 2021

Xagena_Salute_2021


Aggiornamenti in Oncologia by Xagena: OncologiaMedica.net & OncologiaOnline.net & OncoUrologia.it



Indietro