Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it
Mediexplorer.it

Cariprazina, un antipsicotico, nel trattamento della schizofrenia



La Cariprazina ( Reagila ) è un antipsicotico di terza generazione che non solo è in grado di agire sui sintomi positivi della malattia ( deliri, allucinazioni, dissociazione logico-formale del pensiero ecc. ), ma anche sulla componente negativa ( apatia, anedonia, asocialità ecc. ), con l’ulteriore vantaggio di avere effetti collaterali ridotti.

Il numero di persone con prevalenza di disturbo schizofrenico è circa lo 0.8-1% della popolazione.

Nei soggetti con schizofrenia, la sintomatologia negativa ha un impatto rilevante, anche nell’esordio della patologia, con un inizio subdolo; per cui spesso i pazienti ricevono diagnosi adeguate soltanto dopo un lungo periodo di malattia.
Questi sintomi rimangono spesso misconosciuti, perché fondamentalmente rappresentati dalla cosiddetta sindrome amotivazionale. Questo è il cosiddetto deficit motivazionale che si trova in un numero importante di soggetti con schizofrenia.

Cariprazina ha il vantaggio di essere efficace sui sintomi della schizofrenia, ma con ridotti effetti collaterali e neurologici ( sindrome simil-parkinsoniana ) e metabolici, oltre ad avere scarso impatto sull’apparato cardiovascolare.
La sua efficacia clinica è stata dimostrata attraverso numerosi studi clinici che hanno coinvolto più di 2.000 pazienti.
Inoltre, sembra essere particolarmente attivo ed efficace sui sintomi negativi, per una propria peculiarità farmacologica, che è quella di agire da agonista parziale sui recettori dopaminergici di tipo D3 ( a differenza di tutte le altre molecole che agiscono solamente sui recettori D2 ).

Gli effetti collaterali appaiono essere ridotti rispetto agli altri farmaci: da quelli anti-colinergici ( es. bocca secca, stitichezza, ritenzione urinaria, esacerbazione degli effetti pericolosi del glaucoma ad angolo chiuso ), agli anti-adrenergici ( es. ipotensione ortostatica ), agli anti-istaminergici ( es. sedazione, aumento di peso ) e metabolici ( es. aumento di peso, aumento del colesterolo, aumento dei trigliceridi ). Così come sono ridotti i rischi di aritmia ( es. da aumento del tratto di ripolarizzazione QTc dell’elettrocardiogramma ). ( Xagena Medicina )

Fonte: Recordati, 2018

Xagena_Salute_2018


Per approfondimenti sulla Schizofrenia e sulle Malattie psichiatriche: PsichiatriaOnline.net https://www.psichiatriaonline.net/



Indietro