Reumatologia
Ematologia.net
Gastroenterologia.net
OncoGinecologia.net

Congresso ASCO - Carcinoma uroteliale metastatico con alterazioni FGFR: promettenti risultati con Erdafitinib



Uno studio di fase 2 ha mostrato che il trattamento con Erdafitinib ha prodotto risposte durature in pazienti con carcinoma uroteliale metastatico ( mUC ) o non-resecabile, e alterazioni del recettore del fattore di crescita dei fibroblasti ( FGFRalt ).

I recettori FGFR sono proteine che, se alterate, possono contribuire allo sviluppo dei tumori. Le alterazioni si presentano in circa il 20% dei pazienti con carcinoma uroteliale metastatico.

BLC2001 è uno studio di fase 2 in aperto e multicentrico volto a valutare l'efficacia e la sicurezza di Erdafitinib nel trattamento dei pazienti adulti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico, i cui tumori presentano determinate alterazioni FGFR.
99 pazienti sono stati trattati con un dosaggio ottimizzato utilizzando un metodo di aumento della dose guidato dall< farmacodinamica: una dose iniziale di Erdafitinib pari a 8 mg al giorno, con la possibilità di aumentare la dose a 9 mg al giorno in base ai livelli sierici di fosfato.
Il 12% dei pazienti era naïve alla chemioterapia; l'89% dei pazienti aveva ricevuto una o più linee terapeutiche; il 43% dei pazienti aveva ricevuto due o più linee terapeutiche, e il 78% presentava metastasi viscerali.

È stato registrato un tasso di risposta complessivo del 40% ( RECIST 1.1; 3% risposta completa, 37% risposta parziale ), una sopravvivenza media senza progressione di 5.5 mesi e una sopravvivenza media complessiva di 13.8 mesi.

Nei pazienti che hanno presentato eventi avversi di grado 3, i più comuni sono stati stomatite ( 9% ) e diarrea ( 4% ).

7 pazienti hanno dovuto interrompere la terapia a seguito degli eventi avversi prodotti dal trattamento.

Erdafitinib è un inibitore della tirosin-chinasi dei recettori pan-FGFR ( fattori di crescita dei fibroblasti ) da assumere una volta al giorno per via orale.
I recettori FGFR sono una famiglia di recettori della tirosin-chinasi up-regolati in diversi tipi di cellule tumorali con possibile coinvolgimento nella proliferazione delle cellule tumorali, oltre che nell'angiogenesi e nella sopravvivenza delle cellule tumorali.

Erdafitinib ha ricevuto la Breakthrough Therapy Designation ( terapia fortemente innovativa ) dalla FDA ( Food and Drug Administration ) statunitense nel marzo 2018.

Il carcinoma uroteliale è il quinto tumore più frequentemente diagnosticato nell'Unione europea, con circa 124.000 nuovi casi all'anno per entrambi i sessi.
Nell'Europa occidentale, la maggioranza ( 90% ) dei tumori alla vescica è rappresentata dal carcinoma uroteliale.
Il carcinoma uroteliale ha inizio nel revestimento della vescica ( cellule uroteliali o transizionali ) e può essere invasivo come non-invasivo.
Per i pazienti affetti da malattia metastatica, i risultati possono essere scarsi in seguito alla progressione spesso rapida del tumore e l'assenza di trattamenti efficaci.
Il tasso di sopravvivenza a 5 anni anni nei pazienti affetti da malattia metastatica è del 5%. ( Xagena Medicina )

Fonte: ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) Meeting, 2018

Xagena_Salute_2018


Per approfondimenti sul Catcinoma uroteliale: OncoUrologia.it https://oncourologia.it/



Indietro