Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Gastrobase.it

Congresso ASCO - Il 41% dei pazienti con melanoma metastatico trattati con Pembrolizumab come prima linea è vivo a 5 anni



L’86% dei pazienti con melanoma metastatico trattati con Pembrolizumab ( Keytruda ), un immunoterapico anti-PD-1, mantiene la risposta dopo la sospensione del trattamento. E a 5 anni è vivo il 41% dei pazienti trattati con questo inibitore del checkpoint immunitario.

Nel corso del Congresso dell’American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) sono stati presentati i dati di efficacia a lungo termine dello studio di fase III KEYNOTE-006 e della coorte melanoma dello studio di fase Ib KEYNOTE-001 che hanno valutato l’efficacia di Pembrolizumab nei pazienti con melanoma avanzato.

L’analisi ottenuta dall’aggiornamento dei dati dello studio KEYNOTE-006 ha dimostrato benefici di efficacia duratura nei pazienti che hanno completato due anni di trattamento con Pembrolizumab, combinati a risultati aggiornati di sopravvivenza globale ( OS ) di entrambi gli studi, confermando l’attività antitumorale di Pembrolizumab nei pazienti con melanoma metastatico.

A un follow-up mediano di 20.3 mesi dopo completamento del trattamento con Pembrolizumab nell’ambito dello studio KEYNOTE-006, l‘86% dei pazienti era libero da progressione ( la sopravvivenza libera da progressione era un endpoint co-primario dello studio ).
Per quanto riguarda l’endpoint primario di sopravvivenza globale nello studio KEYNOTE-006, il tasso a 4 anni è stato pari al 41.7% nei due bracci combinati di pazienti trattati con Pembrolizumab rispetto al 34.1% nel braccio di pazienti trattato con Ipilimumab ( Yervoy ). Nei pazienti naïve ( non-pretrattati ), i tassi di sopravvivenza globale sono stati pari a 44.3% nei bracci combinati di pazienti trattati con Pembrolizumab e 36.4% nel braccio di pazienti trattati con Ipilimumab.

Secondo Mario Mandalà, Unità di Oncologia dell'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, questi dati di sopravvivenza a lungo termine rappresentano un punto di riferimento per la pratica clinica, indipendentemente dall’espressione del gene BRAF.
Inoltre nel gruppo dei pazienti trattati per 2 anni con Pembrolizumab, l’86% ha mantenuto la risposta dopo sospensione del trattamento, a un follow-up mediano di 20.3 mesi.
In aggiunta, la maggior parte dei pazienti ritrattati con Pembrolizumab a progressione ha ottenuto un beneficio clinico.
Il mantenimento della risposta e la memoria immunologica costituiscono un appannaggio specifico dell’immunoterapia.

Nello studio KEYNOTE-001, il tasso di sopravvivenza globale a 5 anni, endpoint secondario dello studio, è stato pari al 34% in tutti i pazienti e al 41% in quelli non-pretrattati.
Questi dati a 5 anni avranno un impatto sulla pratica clinica e sono molto simili a quanto precedentemente riportato a 4 anni ( 38% e 48%, rispettivamente nei pazienti pretrattati e in quelli naïve ).

Il profilo di sicurezza di Pembrolizumab in entrambi gli studi è in linea con quanto osservato in precedenti studi nei pazienti con melanoma metastatico. ( Xagena Medicina )

Fonte: ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) Meeting, 2018

Xagena_Salute_2018


Per approfondimenti sul Melanoma: MelanomaOnline.net https://melanomaonline.net/



Indietro