Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Pneumobase.it

Congresso ASCO - L'efficacia di Avelumab, un anticorpo anti-PD-L1, si mantiene per più di due anni nel carcinoma a cellule di Merkel



Sono stati presentati i risultati di follow-up a 2 anni dello studio JAVELIN Merkel 200, che ha riguardato pazienti con carcinoma a cellule di Merkel ( MCC ) metastatico in terapia con Avelumab ( Bavencio ), un anticorpo monoclonale anti-PD-L1.

I nuovi dati hanno mostrato una risposta clinicamente significativa e duratura e un tasso stabile di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e di sopravvivenza generale ( OS ) nei pazienti responder ad Avelumab.
Attività clinica è stata osservata in tutti i sottogruppi di pazienti, indipendentemente dall’espressione di PD-L1 nel tessuto tumorale o dalla positività o meno al poliomavirus.

Il profilo di sicurezza di Avelumab a distanza di 2 anni non è risultato modificato rispetto alle precedenti analisi, ed è rimasto in linea con quanto osservato in tutti gli studi JAVELIN.

AVELIN Merkel 200 rappresenta il più grande studio di un anticorpo anti-PD-L1/PD-1 mai riportato in questa popolazione di pazienti.

JAVELIN Merkel 200 è uno studio di fase II, in aperto, a singolo braccio, condotto nei pazienti con carcinoma a cellule di Merkel metastatico, la cui malattia era progredita dopo almeno un trattamento chemioterapico.
I partecipanti sono stati trattati con Avelumab ( 10 mg/kg per via endovenosa ) ogni due settimane fino a progressione della malattia o alla comparsa di tossicità non-accettabile.
Un totale di 88 pazienti sono stati seguiti per una media di 29.2 mesi ( range: 24.8-38.1 ).

Il tasso di risposta generale pari al 33% e il tasso di risposta completa pari all’11.4% sono rimasti invariati a 1 anno e a 18 mesi, rispetto alle analisi precedenti.
La risposta si è mantenuta ulteriormente in 19 dei 29 pazienti che avevano risposto al trattamento, inclusi i 12 pazienti che avevano mostrato il mantenimento della risposta per più di 2 anni.
La risposta duratura ha portato a un tasso stabile di sopravvivenza senza progressione ( 29% a 12 mesi, 29% a 18 mesi e 26% a 24 mesi ).

La sopravvivenza globale ( OS ) media è stata di 12.6 mesi e il tasso di sopravvivenza globale a 2 anni è stato pari al 36% ( 50% a 12 mesi e 39% a 18 mesi ).

Con un follow-up minimo di 2 anni, non sono stati osservati nuovi eventi avversi. Sessantasette pazienti ( 76.1% ) hanno presentato eventi avversi correlati al trattamento; 10 pazienti hanno presentato eventi avversi di grado 3 o inferiore, e 20 soggetti hanno presentato eventi avversi immuno-correlati.

Nello studio non sono si sono verificati decessi associati alla terapia.

Avelumab, un anticorpo monoclonale sperimentale di tipo IgG1 anti-PD-L1 completamente umano, è il primo trattamento indicato per il carcinoma a cellule di Merkel metastatico.

Il carcinoma a cellule di Merkel è un raro e aggressivo tumore della pelle, ad alto rischio di recidive e metastasi, con la maggior parte delle recidive che si verificano entro 2 anni dalla diagnosi del tumore primario.
Mentre la malattia è 30 volte più rara del melanoma ( una stima di 0.24 casi per 100mila persone negli Stati Uniti ), essa è fatale in circa 1 paziente su 3 contro 1 su 6 per il melanoma.
Sebbene la maggior parte dei pazienti presenti tumori localizzati che possono essere trattati con la resezione chirurgica, circa la metà di tutti i pazienti andrà incontro nel tempo a recidiva, e oltre il 30% alla fine svilupperà la malattia metastatica. ( Xagena Medicina )

Fonte: American Society of Clinical Oncology - ASCO Meeting, 2018

Xagena_Salute_2018


Per approfondimenti sui Tumori della cute: OncologiaMedica.net https://www.oncologiamedica.net/



Indietro