Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Neurobase.it

Congresso ASCO - Rituximab associato a Ibrutinib più efficace del solo Rituximab nei pazienti con macroglobulinemia di Waldenström



Sono stati presentati risultati di una analisi interinale programmata dello studio di fase 3 iNNOVATE (PCYC-1127) sulla valutazione di Ibrutinib ( Imbruvica ) in combinazione con Rituximab in pazienti recidivanti / refrattari e naïve al trattamento affetti da macroglobulinemia di Waldenström ( WM ).

Lo studio ha soddisfatto l'endpoint primario di una differenza clinicamente e statisticamente significativa nella sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nei pazienti trattati con Ibrutinib più Rituximab rispetto a quelli trattati con placebo più Rituximab.
La combinazione di Ibrutinib più Rituximab ha significativamente ridotto il rischio di progressione della malattia o di morte dell'80% rispetto a placebo più Rituximab ( rapporto di rischio [ HR ], 0.20; intervallo di confidenza [ IC ]: 0.11-0.38, P inferiore a 0.0001 ).
Gli endpoint secondari, incluso il tasso di risposta, il tempo al trattamento successivo ( TTnT ), il tasso di miglioramento continuativo del livello di emoglobina e il numero di partecipanti con eventi avversi hanno supportato inoltre l'endpoint primario.
Alla fine del 2017, in base a questi risultati, l'Independent Data Monitoring Committee ( IDMC ) ha consigliato lo smascheramento, o unblinding, dello studio iNNOVATE.

Ibrutinib è un inibitore della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ) di prima classe che agisce formando un forte legame covalente con la BTK per bloccare la trasmissione dei segnali di sopravvivenza cellulare all'interno delle cellule B maligne.
Bloccando la proteina BTK, Ibrutinib causa la morte delle cellule tumorali, riducendone il numero, dimostrando quindi di rallentare la progressione della neoplasia.

La macroglobulinemia di Waldenström è una rara forma di linfoma non Hodgkin ( NH L). I tassi di incidenza per uomini e donne in Europa sono rispettivamente di circa 7.3 e 4.2 per milione di persone.
Le cause della WM sono ignote, ma colpisce prevalentemente gli adulti di età più avanzata ed è leggermente meno comune negli uomini che nelle donne.

Abstract: Studio clinico randomizzato di fase 3 su Ibrutinib / Rituximab rispetto a placebo / Rituximab nella macroglobulinemia di Waldenström

Con un followup mediano di 26.5 mesi, Ibrutinib più Rituximab ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione rispetto a placebo più Rituximab ( PFS mediana, non-raggiunta versus 20.3 mesi; hazard ratio, HR=0.20; IC: 0.11-0.38, P inferiore a 0.0001 ), con tassi di sopravvivenza libera da progressione, rispettivamente, dell'82% versus 28% a 30 mesi.
In particolare, Ibrutinib più Rituximab ha prolungato la sopravvivenza libera da progressione in tutti i relativi sottogruppi, inclusi quelli naïve al trattamento ( HR=0.34; IC: 0.12-0.95 ), recidivanti ( HR=0.17; IC: 0.08-0.36 ), e nei pazienti con mutazioni MYD88L265P e CXCR4WHIM ( HR=0.24; IC: 0.09-0.66 ) versus Rituximab.

I tassi di risposta globale e i principali tassi di risposta erano significativamente più elevati per Ibrutinib più Rituximab rispetto a placebo più Rituximab ( 92% vs 47%; 72% vs 32% [ per entrambi P inferiore a 0.0001 ] ).
E' stato inoltre registrato un miglioramento dei livelli di emoglobina nei pazienti trattati con la combinazione rispetto al braccio trattato con placebo più Rituximab ( 73% vs 41%, P inferiore a 0.0001 ).

Nel braccio dei pazienti trattati con Ibrutinib più Rituximab, il 75% ha proseguito con la terapia al momento dell'analisi.
Il tempo al trattamento successivo non è stato raggiunto per Ibrutinib più Rituximab, mentre è stato di 18 mesi per placebo più Rituximab ( HR=0.096; P inferiore a 0.0001 ).

I tassi di sopravvivenza globale ( OS ) a 30 mesi sono stati del 94% rispetto al 92% nei due bracci.

Al momento mediano del trattamento ( Ibrutinib più Rituximab, 25.8 mesi; Rituximab più placebo, 15.5 mesi ), eventi avversi di grado 3 o superiore correlati al trattamento si sono verificati nel 60% dei pazienti trattati con Ibrutinib più Rituximab, rispetto al 61% dei pazienti trattati con placebo più Rituximab.
Eventi avversi gravi si sono verificati nel 43% rispetto al 33% dei pazienti con Ibrutinib più Rituximab rispetto a placebo più Rituximab.
Non si sono verificati eventi avversi fatali nel braccio trattato con Ibrutinib più Rituximab. Tre eventi avversi fatali si sono verificati nel braccio trattato con placebo più Rituximab.
Sono state osservate riduzioni significative nelle reazioni all'infusione di immunoglobuline M di ogni grado ( 8% vs 47% ) e di grado 3 o superiore ( 1% vs 16% ) con Ibrutinib più Rituximab rispetto a placebo più Rituximab. ( Xagena Medicina )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Meeting, 2018

Xagena_Salute_2018


Per approfondimenti in Ematologia: Ematologia.it https://www.ematologia.it/



Indietro