Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Onco News

Efficacia di Pembrolizumab associato alla chemioterapia come prima linea nei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule PD-L1-negativo, in fase avanzata



Nel carcinoma del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), in fase avanzata, il trattamento di prima linea con l'inibitore del checkpoint immunitario Pembrolizumab ( Keytruda ) in combinazione con la chemioterapia ha migliorato la sopravvivenza globale ( OS ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ).

Queste le conclusioni di una analisi cumulativa di un sottogruppo di pazienti con tumore a istologia squamosa e non-squamosa, senza espressione di PD-L1, da tre studi clinici randomizzati ( KEYNOTE-189, KEYNOTE-407 e KEYNOTE-021 [ Coorte G ] ).

È emerso un vantaggio significativo nella sopravvivenza globale, pari a 8 mesi, della combinazione di Pembrolizumab e chemioterapia ( sopravvivenza mediana 19 mesi ) rispetto alla sola chemioterapia ( 11 mesi ).

Il vantaggio è stato anche osservato per la sopravvivenza libera da progressione, con un incremento del 18% di risposte a favore della combinazione.

I tumori PD-L1-negativi erano stati considerati, finora, poco responsivi all’immunoterapia.
La combinazione con la chemioterapia favorisce il rilascio di neoantigeni e, quindi, la risposta a Pembrolizumab.

La ricerca del biomarcatore PD-L1 resta, tuttavia, ancora valida, perché, nei pazienti che presentano un’alta espressione di questa proteina, la sola immunoterapia in prima linea rappresenta una opzione importante e permette di evitare la chemioterapia.

L'analisi ha esaminato un sottogruppo di 428 pazienti; Pembrolizumab in combinazione con la chemioterapia ha ridotto il rischio di mortalità del 44% ( hazard ratio, HR = 0.56; IC 95%: 0.43-0.73 ), rispetto alla sola chemioterapia.

La combinazione Pembrolizumab e chemioterapia ha anche ridotto il rischio di progressione della malattia o di mortalità del 33% ( HR = 0.67; IC 95%: 0.54-0.84 ), rispetto alla sola chemioterapia.

Il tasso di risposta obiettiva è risultato pari al 46.9% nei pazienti trattati con la combinazione di Pembrolizumab e chemioterapia rispetto al 28.6% in quelli trattati con la sola chemioterapia.

Il profilo di sicurezza di Pembrolizumab era in linea con quanto osservato in precedenti studi in pazienti con tumore NSCLC avanzato. ( Xagena Medicina )

Fonte: International Association for the Study of Lung Cancer, 2019

Xagena_Salute_2019


Per aggiornamenti in Oncologia: OncologiaMedica.net https://www.oncologiamedica.net/ & OncoPneumologia.it https://www.oncopneumologia.it/



Indietro