Vertigini
Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Xagena Newsletter

Enhertu, un coniugato anticorpo - farmaco per i tumori HER2+


Enhertu ( Trastuzumab deruxtecan) è un anticorpo-coniugato ( ADC ) specifico per il recettore HER2.

Gli ADC sono medicinali antineoplastici mirati che forniscono un agente citotossico ( carico citotossico ) alle cellule neoplastiche mediante un chemioterapico legato a un anticorpo monoclonale diretto contro uno specifico bersaglio espresso dalle cellule neoplastiche.

Realizzato con l’impiego della DXi, la tecnologia ADC di Daiichi Sankyo, Enhertu è composto da un anticorpo anti-HER2 umanizzato, a cui è legato, tramite un legame a base tetrapeptidica, un carico citotossico, rappresentato da un nuovo inibitore della topoisomerasi I.

HER2 è un recettore di membrana tirosin-chinasico presente sulla superficie delle cellule di molti tipi di tumore, tra cui quello mammario, gastrico, polmonare e colorettale.
In alcuni tumori, la iperespressione di HER2 è associata a una specifica alterazione genetica di HER2 nota come amplificazione ed è spesso associata a una malattia aggressiva con una prognosi infausta.

Altre alterazioni genetiche di HER2 ( denominate mutazioni HER2 ) sono state identificate nel tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), specificamente adenocarcinomi, come target molecolari distinti e sono presenti in circa 2-4% dei pazienti affetti da tumore NSCLC. Tali mutazioni genetiche HER2 acquisite sono state associate indipendentemente alla crescita delle cellule tumorali e a prognosi infausta.

La iperespressione e l'amplificazione di HER2 si ritrova nel 2-5% dei pazienti affetti da carcinoma del colon-retto.

Gli studi hanno indicato che l’amplificazione di HER2 può essere associata alla resistenza alla terapia anti-EGFR ( recettore del fattore di crescita dell’epidermide ) e a una ridotta sopravvivenza.

Enhertu ( 5.4 mg /kg ) è approvato nell'Unione Europea, Stati Uniti e in Giappone per il trattamento di pazienti adulti con carcinoma mammario HER2-positivo non-resecabile o metastatico, i quali hanno ricevuto due o più precedenti regimi di trattamento anti-HER2.
L’approvazione si basa sullo studio DESTINY-Breast01.

Nello studio DESTINY-Breast01, dopo un follow-up mediano di 20.5 mesi, Trastuzumab deruxtecan ha mostrato un tasso di risposta obiettivo confermato del 61.4%, con un tasso di risposta completa ( CR ) del 6.5% e un tasso di risposta parziale ( PR ) del 54.9%, e una durata mediana stimata della risposta ( DOR ) di 20.8 mesi in 184 pazienti con carcinoma alla mammella metastatico HER2-positivo che avevano ricevuto almeno due precedenti linee di terapia.
La sicurezza di Trastuzumab deruxtecan è stata valutata in una analisi congiunta di 234 pazienti con cancro alla mammella non-resecabile o metastatico HER2-positivo che avevano ricevuto almeno una dose di Trastuzumab deruxtecan 5.4 mg/kg in studi clinici.
La durata mediana di esposizione a Trastuzumab deruxtecan è stata di 9.8 mesi ( range: da 0.7 a 37.1 mesi ).
Le reazioni avverse più comuni sono state: nausea ( 79.9% ), stanchezza ( 60.3% ), vomito ( 48.7% ), alopecia ( 46.2% ), costipazione ( 35.9% ), diminuzione dell'appetito ( 34.6% ), anemia ( 33.8% ), neutropenia ( 32.5% ), diarrea ( 30.8% ), trombocitopenia ( 23.1% ), tosse ( 21.4% ), leucopenia ( 20.5% ) e cefalea ( 20.1% ).
Casi di malattia polmonare interstiziale o polmonite sono stati riportati nel 15.0% dei pazienti. Nel 2.6% dei pazienti, la malattia polmonare interstiziale ha portato alla morte. ( Xagena Medicina )

Fonte: Daiichi Sankyo & AstraZeneca, 2021

Xagena_Salute_2021


Aggiornamenti in Oncologia by Xagena: OncologiaMedica.net & OncologiaOnline.net & OncoGinecologia.net



Indietro