Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute
Cardiobase

Il diabete mellito di tipo 1 non si cura con la dieta, la sospensione dell'Insulina può comportare insorgenza di chetoacidosi diabetica



Le Società scientifiche di diabetologia e le associazioni dei pazienti con diabete hanno sottolineato che l’unica terapia per il diabete mellito di tipo 1 è l’Insulina.
Sospendere l'Insulina significa rischiare di andare incontro a morte.

Il diabete mellito tipo 1 è una malattia autoimmune che porta alla distruzione delle cellule del pancreas produttrici di insulina.
L’unica terapia possibile è dunque quella di sostituirsi alla natura, somministrando dall’esterno l’Insulina che il corpo non è più in grado di produrre.

Mentre è possibile tentare di prevenire il diabete mellito tipo 2, molto spesso legato a cattive abitudini di vita, all’obesità e alla sedentarietà, nulla si può fare per prevenire il diabete mellito di tipo 1, malattia legata come detto alla distruzione del pancreas dal parte del sistema immunitario ( che riconosce come estranee e nemiche le cellule produttrici di insulina ).

Non si sa cos’è che scateni il sistema immunitario contro le cellule beta pancreatiche; di certo c’è una predisposizione legata ad alcuni geni particolari, ma non è stato individuato l’interruttore che fa scattare l’attacco; alcuni ricercatori pensano possa trattarsi di un virus.

Come per altre malattie autoimmuni, anche nel caso del diabete mellito di tipo 1 si stanno sperimentando cure volte a frenare l’attacco del sistema immunitario contro il pancreas; ci sono molti studi in corso, ma per il momento l’unica terapia è rappresentata dall’Insulina.

Nessuna dieta si è mai dimostrata efficace. Eliminare i carboidrati dalla dieta di una persona con diabete mellito di tipo 1 non serve a guarirla; i carboidrati servono a produrre energia di cui l’organismo ha bisogno.

L'Insulina, un ormone di natura proteica, prodotto da gruppi di cellule pancreatiche, chiamate cellule beta delle isole del Langerhans, facilita il passaggio del glucosio dal sangue alle cellule ed ha pertanto azione ipoglicemizzante.
Se manca l’Insulina, le cellule avranno a disposizione poco glucosio e dovendo produrre energia, utilizzeranno fonti energetiche alternative, come proteine e soprattutto i grassi; questo porta alla formazione e all’accumulo di prodotti di scarto, i corpi chetonici.
Quando il livello di corpi chetonici nel sangue aumenta a dismisura, compare la condizione nota come chetoacidosi che, se non corretta tempestivamente, può portare a morte.
La somministrazione di Insulina serve appunto ad evitare tutta questa reazione a catena, che può avere esiti fatali. ( Xagena Medicina )

Fonte: Società scientifiche di Diabetologia, 2018

Xagena_Salute_2018


Per approfondimenti sul Diabete mellito: Diabetologia.net https://www.diabetologia.net/



Indietro