Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Onco News

L'Ibuprofene ad alto dosaggio può favorire l'insorgenza di ipogonadismo compensato, una condizione associata a possibili effetti sulla salute riproduttiva maschile



Uno studio, condotto da ricercatori di Inserm ( Institut national de la santé et de la recherche médicale ) ha mostrato che l'infiammatorio Ibuprofene è associato a possibili effetti negativi sulla salute riproduttiva maschile in giovani adulti.
Dopo diversi giorni di assunzione di Ibuprofene si riscontra una riduzione della produzione degli ormoni sessuali maschili, che contribuisce a una condizione nota come ipogonadismo compensato.

L'Ibuprofene è un farmaco che trova impiego come antinfiammatorio, ma anche come antidolorifico.
Il suo uso è in crescita soprattutto tra chi pratica sport per combattere dolori muscolari e osteo-articolari.

Il suo ampio uso ha indotto i ricercatori francesi a studiare gli effetti di un uso prolungato di questo antinfiammatorio.
Sono stati arruolati 31 uomini, di età compresa tra i 18 e i 35 anni.
Ai volontari sono stati somministrati 1.200 mg di Ibuprofene al giorno per un periodo di 6 settimane.

Dopo solo due settimane di assunzione del farmaco, l'equilibrio ormonale maschile è risultato variato solo nel gruppo che aveva assunto il farmaco e non nel gruppo di controllo.
In particolare, l'uso continuativo di Ibuprofene ad alto dosaggio ha ridotto la produzione di testosterone, l'ormone sessuale maschile.
Il testosterone è a sua volta collegato all'ormone luteinizzante ( LH ), che stimola l'attività endocrina delle cellule interstiziali del testicolo con produzione di testosterone.
Per il suo coinvolgimento nella produzione di testosterone, l'ormone luteinizzante stimola anche, in modo indiretto, la spermatogenesi.

L'uso prolungato di Ibuprofene ad alto dosaggio è risultato associato a ipogonadismo compensato ( normali livelli di testosterone e alti livelli di LH ), può contribuire a infertilità, disfunzione erettile, ma anche a depressione, diabete mellito e malattie cardiovascolari. ( Xagena Medicina )

Fonte: PNAS - Proceedings of the National Academy of Sciences, 2018

Xagena_Salute_2018


Per approfondimenti in Endocrinologia: Endocrinologia.net https://www.endocrinologia.net/



Indietro