Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Psoriasi a placche: dati a 2 anni di Deucravacitinib, un inibitore orale di TYK2


I pazienti adulti affetti da psoriasi a placche da moderata a grave trattati per os con Deucravacitinib hanno mantenuto il miglioramento fino a 2 anni, secondo i dati dello studio di estensione a lungo termine POETYK PSO ( POETYK PSO LTE ).

Deucravacitinib è un inibitore orale selettivo della tirosin-chinasi 2 ( TYK2 ), con un meccanismo d’azione unico.
Agisce direttamente su TYK2, inibendo la segnalazione dell’interleuchina 23 ( IL-23 ), IL-12 e degli interferoni ( IFN ) di tipo 1, citochine coinvolte nella patogenesi di molteplici malattie immuno-mediate.
Alle dosi terapeutiche, l'elevata selettività non permette di inibire JAK1, JAK2 o JAK3.

La psoriasi a placche è una malattia cronica e sistemica immuno-mediata associata a molteplici gravi comorbidità.

L’efficacia clinica di Deucravacitinib è stata mantenuta fino a 2 anni nello studio POETYK PSO di estensione a lungo termine, con tassi di risposta alla settimana 60 del 77.7% alla scala PASI ( Psoriasis Area and Severity Index ) 75 e del 58.7% per il raggiungimento di un punteggio di 0/1 ( pelle libera o quasi libera da lesioni ) alla scala sPGA ( static Physicians Global Assessment ).

Il profilo di sicurezza complessivo di Deucravacitinib nel corso di 2 anni ha coperto 2.482 anni-paziente di trattamento ed è risultato coerente con quello degli studi registrativi di fase III POETYK PSO-1 e 2.
Gli eventi avversi si sono confermati prevalentemente di gravità lieve o moderata, con rinofaringite, infezione delle vie respiratorie superiori e cefalea come i più comuni.
Gli eventi avversi gravi e quelli che hanno portato all’interruzione del trattamento sono rimasti bassi per un massimo di 2 anni e non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza.

Gli studi clinici POETYK PSO, PSO-1 e PSO-2, erano due studi globali di fase III disegnati per valutare la sicurezza e l’efficacia di Deucravacitinib nei pazienti con psoriasi a placche da moderata a grave.
Sia il primo studio, che ha arruolato 666 pazienti, che il secondo, che ha arruolato 1.020 pazienti, erano multicentrici, randomizzati e in doppio cieco.
Hanno valutato Deucravacitinib ( 6 mg una volta al giorno ) rispetto a placebo e Apremilast ( 30 mg due volte al giorno ).
POETYK PSO-2 ha incluso un periodo di sospensione e ritrattamento randomizzato dopo la settimana 24.
Gli endpoint co-primari di entrambi erano la percentuale di pazienti che raggiungeva una risposta PASI 75 e un punteggio di 0/1 alla scala sPGA alla settimana 16 rispetto al placebo.
Gli endpoint secondari includevano la percentuale di pazienti che raggiungevano i due obiettivi rispetto ad Apremilast alla settimana 16.
Al termine delle 52 settimane di durata degli studi, i pazienti potevano arruolarsi all’estensione a lungo termine in corso e ricevere Deucravacitinib in aperto 6 mg una volta al giorno.
In totale l’estensione ha arruolato 1.221 soggetti, che hanno ricevuto almeno 1 dose del farmaco. ( Xagena_Medicina )

Fonte: European Academy of Dermatology and Venereology ( EADV ) Spring Meeting, 2022


Xagena_Salute_2022


Aggiornamenti in Dermatologia by Xagena: DermatologiaOnline.it & DermatologiaOnline.net & PsoriasiOnline.net




Indietro