Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Zanubrutinib nel linfoma della zona marginale e nel linfoma non-Hodgkin recidivato / refrattario


Il trattamento con l’inibitore BTK ( tirosin-chinasi di Bruton ) Zanubrutinib ( Brukinsa ) ha prodotto alti tassi di risposta in uno studio preliminare su 20 pazienti con linfoma della zona marginale.
In un’altra analisi, Zanubrutinib ha fornito evidenze preliminari di attività quando associato a Rituximab in uno studio su pazienti con diversi tipi di linfoma non-Hodgkin.

Linfoma della zona marginale

I dati riguardanti il linfoma della zona marginale recidivato o refrattario provengono da una coorte di uno studio clinico multicentrico di fase 1/2, in aperto, su pazienti con neoplasie delle cellule B trattati con Zanubrutinib.
Dei 20 pazienti con linfoma della zona marginale arruolati, 9 presentavano una malattia extranodale, 5 un coinvolgimento linfonodale e 6 un coinvolgimento splenico.

Dopo un follow-up mediano di 27.1 mesi, 12 pazienti erano ancora in trattamento.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è risultato pari all'80% ( IC 95%, 56,.3-94.3 ), con un tasso di risposta completa del 15% e un tasso di risposta parziale del 65%.
I pazienti con linfoma della zona marginale con coinvolgimento linfonodale hanno mostrato un tasso ORR del 100% ( IC 95%, 47.8-100.0 ).

Il tempo mediano di risposta è stato di 2.8 mesi e, a 18 mesi, il 66.2% dei pazienti responder ha mostrato di mantenere la risposta al trattamento ( IC 95%, 32.4-86 ).

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a 24 mesi è stata del 59.4%.

Gli eventi avversi più frequenti di grado pari o superiore a 3 sono stati anemia ( 10% ), neutropenia ( 15% ) e piressia ( 10% ).

Linfoma non-Hodgkin recidivato / refrattario

Uno studio di fase 2, a singolo braccio, ha valutato Zanubrutinib in combinazione con Rituximab in pazienti con diversi tipi di linfoma non-Hodgkin recidivato / refrattario.

Sono stati presi in esame 41 pazienti, di cui 20 con linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) non-GCB, trattati in precedenza con una antraciclina, con o senza Rituximab, 16 con linfoma follicolare già sottoposti ad almeno una terapia e 5 con linfoma della zona marginale già trattati con almeno una terapia.

Dopo un follow-up mediano di 10.28 mesi, 14 pazienti continuavano a far parte dello studio.

Il tasso di risposta obiettiva nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B non-GCB è risultato del 35% ( IC 95%, 15.4-59.2 ); 1 paziente ha ottenuto una risposta completa e 6 hanno presentato risposte parziali.
La sopravvivenza senza progressione in questo sottogruppo è risultata pari a 3.38 mesi.

Il tasso di risposta obiettiva nei pazienti con linfoma follicolare recidivato / refrattario è risultato del 56.3% ( IC 95%, 29.9-80.2 ), con 3 risposte complete e 6 risposte parziali.
La sopravvivenza mediana libera da progressione in questo sottogruppo non era stimabile.

Nei pazienti con linfoma della zona marginale recidivato / refrattario, il tasso di risposta obiettiva è risultato pari al 60% ( IC 95%, 14.7-94.7 ), con 1 risposta completa e 2 risposte parziali.
La sopravvivenza libera da progressione non era stimabile.

Il 97.6% dei pazienti ha manifestato almeno un evento avverso; tra questi il più comune era la riduzione della conta dei neutrofili.
Eventi avversi di grado 3 o superiore sono stati riscontrati nel 46.3% dei pazienti. ( Xagena Medicina )

Fonte: European Hematology Association ( EHA ) Virtual Meeting, 2020

Xagena_Salute_2020


Per aggiornamenti in Ematologia: Ematologia.it https://www.ematologia.it/ & LinfomaOnline.net https://www.linfomaonline.net/



Indietro